Torneo antirazzista di calcio a 5

Uisp, Sicomoro, Tolbà e Fondazione Città della Pace insieme per un torneo antirazzista di calcio a 5, un’occasione per abbattere barriere e pregiudizi con una manifestazione sportiva che coinvolge i ragazzi inseriti nei progetti SPRAR (Sistema per Richiedenti Asilo e Rifugiati) e MSNARA (Minori Stranieri non Accompagnati Richiedenti Asilo) e le comunità locali che ospitano alcuni di questi progetti in Basilicata.
Il torneo si svolgerà su cinque giornate in vari paesi della regione: Sant’Arcangelo, San Chirico Raparo, Salandra, Grottole e Matera dove, oltre al torneo di calcio a cinque, si terranno una seie di attività collaterali con il coinvolgimento diretto dei ragazzi inseriti nei progetti SPRAR: mostre, visite guidate, laboratori artistici, serate ludico-ricreative, degustazioni, cineforum.
L’obiettivo è quello di favorire il dialogo tra culture e creare momenti di scambio e confronto a partire dallo sport che si fa portatore di un linguaggio universale di pace e condivisione.
Il Torneo rientra nella campagna nazionale “Aspettando i Mondiali Antirazzisti”, iniziativa UISP che punta a diffondere l’organizzazione di attività sportive connesse ai valori dell’integrazione e della multiculturalità in tutto il territorio nazionale, in attesa dell’evento finale di Luglio a Castelfranco Emilia (MO).
Proprio per sottolineare l’aspetto non agonistico del torneo e favorire il coinvolgimento di un alto numero di partecipanti, in questa edizione si formeranno squadre aperte e intercambiabili, che prevedano la presenza di ragazzi inseriti nei progetti SPRAR e ragazzi dei paesi in cui si svolge il torneo. Si cercherà anche di favorire la partecipazione di giocatrici donne al fine di sottolineare l’eterogeneità della manifestazione, puntando su un coinvolgimento generale capace di superare ogni tipo di discriminazione.

Il primo appuntamento è quello del 5 Dicembre prossimo a Sant’Arcangelo. La giornata inizierà alle ore 9 con il torneo di calcio presso il campo di calcetto comunale, e proseguirà nel pomeriggio con l’inaugurazione alle ore 16, presso il Museo Scenografico di Santa Maria di Orsoleo, della mostra di manufatti realizzati nei laboratori del Progetto Intercultura “Un Arcobaleno nella Valle”: saranno esposti i pannelli realizzati da venti scolaresche della Val D’Agri e ispirati a fiabe di diverse tradizioni culturali e le maschere di argilla realizzate nell’ambito dello stesso progetto. Alle 17 si aprirà il convegno conclusivo del Progetto Intercultura con le testimonianze di alcuni partecipanti e la consegna degli attestati di partecipazione.
Le altre tappe del torneo sono quelle del 27 dicembre a San Chirico Raparo, il 17 gennaio a Salandra, il 28 febbraio a Grottole e il 20 marzo a Matera.

 

Imma D'Angelo

Post author